Menu
RSS

Tesi del ministro Madia, Imt archivia il caso

IMT LuccaLa tesi di dottorato del ministro Maria Anna Madia? Imt chiude la pratica senza avviare alcun procedimento, dopo non aver riscontrato alcuna irregolarità. La decisione è stata comunicata dalla direzione della scuola. Tutto era iniziato dalla pubblicazione di un articolo su Il Fatto quotidiano il 28 marzo e che riguardava proprio la tesi di dottorato di Maria Anna Madia, allieva a Imt negli anni 2005-2008. A quel punto, visto che si sosteneva che la tesi fosse stata copiata, la direzione aveva avviato un iter preliminare "volto ad accertare la sussistenza di indizi riconducibili al plagio e/o altri elementi di criticità nella tesi redatta dalla candidata". 

Leggi tutto...

In procinto di laurearsi? Meglio controllare se la tesi è frutto di plagio…

tesilaureaQuante volte abbiamo sentito parlare di tesi copiate, plagio e quant’altro? Tante, forse troppe volte. E le “vittime”, spesso, sono anche illustri. Basti pensare al ministro della pubblica amministrazione, Marianna Madia, finita al centro di una indagine a causa della sua tesi di laurea dove comparirebbero blocchi copiati fino a ottomila parole, inseriti senza virgolette o note. Un mistero che si protrae da quasi un anno e che si arricchisce di un nuovo particolare: fino al giorno della discussione della tesi, avvenuta il 22 dicembre 2008 presso la scuola Imt alti studi di Lucca, non comparirebbe il nome di Marianna Madia, oltre a quelli di altri due dottorandi.
Insomma, un caso che ha fatto scalpore e che dovrebbe far riflettere i tanti studenti universitari che si apprestano ad affrontare la stesura della tesi, una tappa rappresenta un momento fondamentale per la carriera studentesca e lavorativa. Come fare, dunque, per evitare il rischio plagio? Semplice, basta verificare i propri testi utilizzando software creati appositamente per verificare se i testi da noi scritti sono frutto di plagio o meno. Tra i più conosciuti ed utilizzati non solo in Italia troviamo senza alcun dubbio NoPlagio.

Leggi tutto...

In Fondazione Bml la tesi vincitrice del concorso su Mario Monicelli

copertinaFINALE FACEBOOKLa tesi di Francesca Cantore, laureata alla Sapienza di Roma con una ricerca su Divorzio all’italiana, un film di Pietro Germi, fondamentale per la storia del cinema italiano degli anni Sessanta, ha vinto il concorso Mario Monicelli, indetto da PromoCinema, con il sostegno della Fondazione Banca del Monte di Lucca e il patrocinio del Comune di Viareggio e della Consulta universitaria del cinema, in occasione delle celebrazioni per il centenario della nascita del grande regista.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

 

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it 

telefonoicona telefono 346.6194740

Libri

Giornalismi

Newsletter