Menu
RSS

Sosta in centro, il Pd di Montecarlo va all'attacco

084Transito e sosta nel centro storico, per il Pd di Montecarlo siamo ancora agli annunci. “Come ogni estate – puntualizza il segretario del Pd di Montecarlo Franco Franceschini - con l'arrivo del sole arriva il solito annuncio del sindaco Fantozzi sui nuovi provvedimenti per il transito e la sosta nel centro storico di Montecarlo. Ma quello che è certo è che da dieci anni è tutto uguale: confusione nella segnaletica stradale, sempre meno posti auto e multe a raffica. Che la si titoli 'giro di vite' con la possibilità di sensori come nel 2013, 'sosta in centro per soli residenti' come nel 2014, 'rivoluzione traffico e segnali chiari' (2015) o, per finire, con la 'sperimentazione dei varchi telematici' di quest'anno, a Montecarlo è il caos. Negli ultimi dieci anni in paese sono diminuiti 40/50 posti auto (e il lato sinistro di via Cavalli), nessun parcheggio nuovo è stato realizzato e tutte le categorie dimostrano scontentezza (residenti, commercianti e cittadini)- interviene il PD di Montecarlo sulla circolazione e i parcheggi di Montecarlo. Per alleviare il problema circolazione – attacca il Pd - serve serietà, proposte concrete e credibilità, una credibilità che ormai il centrodestra montecarlese, che da venti anni amministra il Comune, ha completamente perso. Annunci ripetuti di anno in anno, nessuna telecamera installata negli ultimi 4 anni, posti auto soppressi, inutili scale mobili e ascensori che arrivano e poi spariscono, residenti illusi e confusione su dove costruire nuovi parcheggi – sostengono gli esponenti dell'opposizione -. La destra non vuole nuovi parcheggi a Montecarlo: lo dimostra la soppressione per ben due volte dei progetti già finanziati di costruzione di nuovi parcheggi nella zona Porta Nuova-Macelli del 1991 e poi nel 2000, ma ora forse non vuole neanche una Montecarlo con abitanti, visto l'abbandono delle strade popolari e la desolazione in paese del pomeriggio”.

Leggi tutto...

Mercoledì con allerta meteo per piogge e temporali

Allerta 28 giugnoIl Centro funzionale regionale (Cfr) della Regione Toscana, a causa del previsto peggioramento delle condizioni atmosferiche, ha emesso un'allerta meteo di colore arancio per rischio idrogeologico e idraulico per il reticolo minore a causa di forti piogge e temporali previste per la giornata di domani (28 giugno), anche sul territorio dell'intera provincia di Lucca.

Leggi tutto...

Pucciniano, edizione 63 con omaggio alla Francia

pucciniano33Il cartellone del 63esimo Festival Puccini in programma dal 14 luglio propone la messa in scena di cinque titoli pucciniani: Turandot, La Bohème, Tosca, Madama Butterfly e La Rondine, con due nuove produzioni Turandot e la Rondine, opera quest'ultima di cui si celebra l'anniversario dei 100 anni dalla prima rappresentazione che ebbe luogo a Montecarlo il 27 marzo 1917 e dove fu salutata con grande successo. Il 63esimo Festival Puccini presentato stamani a Roma sarà anche uno speciale omaggio alla Francia, un paese amato e frequentato dal maestro toscano.
Puccini, infatti, come altri grandi artisti e compositori, aveva subito il fascino e l''influenza della cultura e della letteratura francese trasponendola nelle sue opere, sino a divenire il massimo rappresentante di quella corrente letteraria e artistica, nata negli ultimi decenni dell'Ottocento francese, il realismo, che in Italia prese il nome di verismo.
La Francia è protagonista nella letteratura pucciniana da Manon Lescaut a la Bohème, a la Rondine a Edgar a il Tabarro. Ben tre teatri internazionali ospiti al Pucciniano: l'orchestra dell'opera di Nizza il 22 luglio, per commemorare ad un anno di distanza le vittime dell'attentato della Promenade des Anglais che vedrà presenti, oltre ai sindaci delle due città che già in passato hanno favorito altri scambi culturali; il 18 agosto sarà la volta delle masse artistiche e dei solisti del China National opera House di Pechino, che dopo il grande successo di Turandot del 2015 tornerà a Torre del Lago con un suo bellissimo allestimento di Madama Butterfly e che porterà dalla capitale cinese 190 persone impegnate nella messa in scena che veleggia già verso un più che probabile sold out; da Mosca, per la prima volta in Italia, saranno al Festival il 29 e 30 agosto i complessi e i solisti di Novaya Opera, in totale 220 artisti tra orchestra, coro, cantanti e tecnici per chiudere con la Bohème e Traviata l'omaggio alla Francia, paese al quale la fondazione ha voluto intitolare la sua 63esimma edizione.
L'omaggio alla Francia sarà suggellato dal concerto in programma il 22 luglio che vedrà protagonista l'orchestra filarmonica del teatro di Nizza, diretta da Gyriv nyi R th Gy"rgy, evento realizzato in collaborazione con la Ville de Nice e il teatro dell''Opera di Nizza e con il patrocinio dell'Ambasciata di Francia in Italia.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it 

telefonoicona telefono 346.6194740

Libri

Giornalismi

Diritto per tutti

Newsletter