Menu
RSS

Raffica di abusi nel parco della villa in collina

  • Pubblicato in Cronaca

carabinieriforestaliUna villa immersa nel verde delle colline lucchesi, dove si stava realizzando un vero e proprio parco attrezzato, con piscina, impianti sportivi, uno spazio giochi per bambini e perfino un 'anfiteatro' con gradinate in pietra, con seduta in tavelline di cotto. Un contesto esclusivo e mozzafiato, per un cantiere assai ambizioso e che in parte erano stati autorizzati ma che, stando alle contestazioni, sarebbero stati realizzati in difformità ai permessi e al parere della commissione paesaggio del Comune di Lucca. E' quanto contestato ai titolari della struttura dai carabinieri forestali di Lucca che hanno fatto sospendere i lavori, ormai in fase di ultimazione.

Leggi tutto...

Pro-muovere, appello a Menesini: "Cittadinanza a sindaco Licata"

cambiano"Dare la cittadinanza onoraria al sindaco di Licata Angelo Cambiano": è l'appello di Liano Picchi, membro di Pro-muovere, al sindaco di Capannori, Luca Menesini. Cambiano, noto per la sua battaglia all'abusivismo edilizio, è stato recentemente sfiduciato, ma la sua storia ha fatto il giro del mondo. "A Licata c'era un sindaco coraggioso - scrive Picchi -  che nonostante le minacce di morte e l'incendio della casa ha continuato la lotta per la legalità e l'ambiente abbattendo gli abusi edilizi sulla costa Agrigentina. "La politica", alla vigilia delle elezioni regionali, l'ha sfiduciato e mandato a casa pur d'ingraziarsi i voti degli abusivi e di chi opera e fa profitti nell'illegalità".

Leggi tutto...

Scoperto canile clandestino, denunciati i gestori

  • Pubblicato in Cronaca

bracconieriI latrati dei cuccioli si sentivano da lontano, ma il recinto isolato in mezzo alla campagna di Lucca, era ben nascosto. Dietro una rete fatiscente, coperti a malapena con lamiere, tavole o altri materiali di fortuna, c'erano cani da guardia che facevano da improbabili sentinelle ad un canile clandestino dove venivano allevati cani di una razza pregiata, venduti poi al nero e senza alcun rispetto della normativa in materia. E' quanto hanno scoperto i carabinieri forestali del nucleo investigativo di Lucca, allertati dalla stazione dei militari di San Concordio.
Quando sono entrati all’interno della recinzione hanno trovato, circondati da ben trenta cani, di cui diciotto cuccioli pronti per la vendita, tutti ammassati in box di misure inadeguati e non idonei a garantire condizioni igienico sanitarie soddisfacenti, privi di apparati di canalizzazione e smaltimento dei liquami, che erano ammassati in un angolo.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

 

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it 

telefonoicona telefono 346.6194740

Newsletter