Menu
RSS

Il sindacato giornalisti scrive ai candidati sindaco: "Una volta eletti applicate la legge sugli uffici stampa"

urnaIn vista delle prossime elezioni amministrative, l’Associazione Stampa Toscana, sindacato unitario dei giornalisti, ha scritto a tutte le candidate ed i candidati sindaci, di ogni orientamento politico, per chiedere di impegnarsi a far sì che, una volta eletti, nei propri Comuni si possa attuare quanto prevede la legge 150/2000.
La legge 150/2000 istituisce e regolamenta, nella pubblica amministrazione, la figura dell’ufficio stampa, distinguendone profili, professionalità e funzioni in rapporto sia al portavoce politico che all’Ufficio relazioni con il pubblico, e regolamentando i rapporti con l’organo di vertice dell’amministrazione. Obiettivo: garantire trasparenza e informazione nei confronti della cittadinanza, ma anche visibilità e risalto all’azione dell’amministrazione.

Leggi tutto...

Regione, vicepresidente Barni incontra l'Ast: "In difesa della libertà di stampa e del diritto alla verità"

monicabarni"Solidarietà a tutti i giornalisti e agli operatori dei media che, per l'esercizio della loro professione, sono finiti in carcere o stanno subendo minacce e intimidazioni. In Turchia come in tutto il mondo." È questo il messaggio lanciato questa mattina da Palazzo Strozzi Sacrati, in occasione dell'incontro tra una delegazione dell'associazione stampa Toscana e Monica Barni, vicepresidente della regione Toscana, con delega anche alla promozione dei diritti umani.

Leggi tutto...

Approvato il nuovo statuto dell'Associazione Stampa Toscana

Il Consiglio Nazionale della Fnsi ha ratificato, all'unanimità,  il nuovo statuto dell'Associazione Stampa Toscana. Il nuovo statuto allinea le sue regole a quelle federali (approvate dal congresso di Bergamo nel 2010) e porta anche alcune innovazioni: come le incompatibilità di carica. Nel senso che la stessa persona, almeno in Toscana, non potrà più ricoprire ruoli nell'Ast e, contemporaneamente, nell'Inpgi, nella Casagit o nell'Ordine dei giornalisti. Significa che ci saranno più possibilità, per tutti, di far parte del sindacato e dei vari organismi rappresentativi della categoria.
Il nuovo statuto, approvato a grandissima maggioranza dal referendum che si è concluso il 31 ottobre scorso, è dunque in vigore e pubblicato sul sito Ast. "Non si tratta di un punto d'arrivo - commenta il presidente Ast - ma di una ripartenza: da parte di un sindacato che vuole ridare fiducia a iscritti e non iscritti".

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it 

telefonoicona telefono 346.6194740

Newsletter