Menu
RSS

Nuovi poveri in aumento: in 200 in più da Caritas

22414604 10214164658180083 1905935625 nSono in aumento i casi di povertà a Lucca: il centro di ascolto della Caritas, nell'ultimo anno ha contato almeno 1669 persone, un aumento devastante che ha visto circa 200 persone in più rivolgersi allo sportello di Lucca. Storie che ghiacciano il sangue quelle che ogni giorno, da almeno vent’anni, la Caritas di Lucca si sente raccontare nelle sale del suo centro di ascolto. Storie di persone in difficoltà che, chiedendo aiuto tra quelle pareti, si sentono in dovere di chiedere scusa, mangiati dalla vergogna e dai sensi di colpa. E sentirsi dire “scusa se ho bisogno, scusa se ti do fastidio” da gente che non ha nulla è decisamente un’esperienza che si fa fatica a raccontare. Ma c’è chi si è fatto forza: queste storie, questi dati pieni di sofferenza e pessimismo sono stati raccolti in un dossier, Fragili beni: poco più di 70 pagine di tabelle, studi e parole toccanti che aiutano a “fotografare” e ad aprire gli occhi sulla situazione del nostro territorio che, purtroppo, molto spesso rimane nell’ombra.

Leggi tutto...

Allarme povertà a Lucca, i dati della Caritas

diocesiluccaSono 1435 gli accessi ai centri di ascolto Caritas nel solo 2014: ecco il primo preoccupante dato che emerge dall'annuale dossier stilato dall'Osservatorio delle povertà e delle risorse diocesano, quest'anno intitolato Da Soli. Il documento è stato presentato questa mattina (27 marzo) in Arcidiocesi, alla presenza del vescovo monsignor Italo Castellani, della direttrice di Caritas Lucca Donatella Turri e della consulente e ricercatrice Elisa Matutini. Si tratta di cifre che fanno registare una relativa diminuzione rispetto al 2013 (quando ai centri d'ascolto si presentarono 1656 persone), ma che non sono comunque in grado di invertire una tendenza radicatasi con forza a cominciare dal 2010 (quando, per la prima volta, si toccò e si superò quota 1000). I numeri del 2014 rappresentano più di un campanello d'allarme non soltanto perché nel 2008, anno in cui ci si affacciava alla crisi economica, gli accessi furono "solo" 650: quello che desta timori fondati è anche la composizione dell'utenza. "Quella di oggi è una povertà familiare - spiega la dottoressa Matutini - nel senso che, mentre fino a sette anni fa si presentavano persone singole, adesso il confronto è con intere famiglie, afflitte da deprivazioni di ogni genere. Questo è un gravissimo problema: una società futura costituita da giovani che hanno vissuto un'infanzia di privazioni sarà una società composta da persone vulnerabili".

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it 

telefonoicona telefono 346.6194740

Newsletter