Menu
RSS

Posta a giorni alterni, Mallegni (FI): "E' già caos"

magazzinoposte"Poste: è già caos". A dirlo è Massimo Mallegni che si unisce ai timori dei sindacati, Slc-Cgil e Uil Poste. "Nel magazzino di Pietrasanta - dice - sono presenti colonne di pacchi in disordine che attendono di essere recapitati ai loro destinatari e con l’arrivo delle festività ed il sovraccarico di pacchi e regali, molti dei quali destinati sotto l’albero, il servizio a recapito a giorni alterni rischia di produrre imbarazzanti disagi e ritardi. Ma a preoccupare sono anche i dipendenti di Poste Italiane che rischiano di essere lasciati a casa. Si parla di una quindicina di postini in esubero".

Leggi tutto...

Poste, rinnovato il contratto di lavoro

ufficiopostaleluE’ stato siglato, con tutte le organizzazione sindacali, il rinnovo del contratto collettivo di lavoro per il personale non dirigente di Poste Italiane per il triennio 2016-2018.
L’accordo si articola su tre macro aree: il trattamento economico - che prevede un aumento complessivo medio mensile di 103 euro pro capite - nuovi istituti di welfare aziendale - con il fondo sanitario e la previdenza integrativa - e modifiche all’impianto del sistema delle relazioni industriali.

Leggi tutto...

Mallegni (FI): "No alla consegna della posta a giorni alterni a Pietrasanta"

Foto Massimo Mallegni OfficialNo alla consegna della posta a giorni alterni. A dirlo è l'ex sindaco di Pietrasanta ed esponente di Forza Italia, Massimo Mallegni: “Poste Italiane ci informa - dice Mallegni - con un volantino scritto a caratteri microscopi che da dicembre, anche per Pietrasanta, sarà ridotto il servizio essenziale di consegna della corrispondenza. Ho dovuto mettermi gli occhiali per leggere il volantino e capire il suo significato. I cittadini di Pietrasanta riceveranno la posta a giorni alterni, il lunedì, mercoledì e venerdì in una settimane e martedì e giovedì in quella successiva. Vale a dire dire dieci giorni al mese su trenta. Non solo i cittadini pagano per ogni servizio erogato ma Poste Italiane li vuole penalizzare facendogli pesare il suo progetto di ristrutturazione basato solo sul taglio di servizi, sportelli e postini. La società ha agito senza interpellare l’amministrazione di cui sono stato sindaco fino allo scorso 14 settembre e soprattutto nel completo disinteresse dei cittadini. Il nostro governo avrebbe dovuto fare di più quando era il momento di agire”. Negli scorsi giorni era stata l’Anci Toscana a chiedere spiegazione inviando una lettera di protesta a Poste Italiane dove si evidenziava la riduzione del servizi di consegna per i comuni di Volterra, Barberino del Mugello, Manciano e Paganico, Pietrasanta e nei primi mesi del 2018 a Borgo a Mozzano.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it 

telefonoicona telefono 346.6194740

Newsletter