Menu
RSS

Pescaglia, territorio martoriato. Altre 5 famiglie sfollate

10569005 10203563133572280 3220603719272089501 nCase inagibili, famiglie sfollate, interi poggi e parti di colline franati a valle, torrenti ostruiti e strade ancora da liberare. Il sopralluogo di oggi da parte del sindaco di Pescaglia, Andrea Bonfanti, dei tecnici comunali e con l'appoggio dei Comuni di Borgo a Mozzano e Barga, della Provincia di Lucca e della Protezione Civile, a due giorni dall'episodio di maltempo che ha interessato il territorio della Valfreddana, restituisce un quadro devastante. Danni per privati e aziende di centinaia di migliaia di euro, necessità di interventi, alcuni dei quali urgenti, per la messa in sicurezza a cui con difficoltà un Comune piccolo come quello di Pescaglia difficilmente può far fronte da solo. Ma il primo cittadino da due giorni, anche in contatto con le istituzioni provinciali e regionali, è già in azione per trovare soluzioni. Si attende, in particolare, la dichiarazione dello stato di emergenza regionale, che potrebbe aprire a breve la possibilità di ottenere fondi importanti.

Leggi tutto...

Evade dagli arresti e dà in escandescenze in pineta: in manette

Era uscito dal carcere di Firenze, dove deve scontare una pena di dieci anni per vari reati, beneficiando di permessi, ma non è rientrato. E a Viareggio, in pineta di Ponente, ieri pomeriggio ha dato in escandescenze con in mano un trincetto. E' stato notato da un carabiniere in libera uscita che viste le condizioni dell'uomo, un 47enne di origini piemontesi, ha chiamato rinforzi. I colleghi del radiomobile, giunti per rinforzi, hanno cercato di fermarlo, riportando contusioni guaribili in cinque giorni. L'uomo è stato bloccato e portato in ospedale in ambulanza. E' stato arrestato, oltre che per violenza e resistenza a pubblico ufficiale per evasione.

Leggi tutto...

Minaccia di morte l'affittuaria morosa: nei guai

poliziavolanteLa Squadra Mobile della Questura ha denunciato, per il reato di esercizio arbitrario delle proprie ragioni con violenza alle persone, un 51enne di origini campane, residente da tempo a San Concordio. La moglie dell'uomo possiede alcuni fondi commerciali, in parte dati in affitto ad attività del terziario. Tra queste un negozio la cui proprietaria non è stata più in grado, per contingenze economiche sfavorevoli legate all’attuale crisi, di onorare puntualmente il canone di affitto. Dopo le prime schermaglie verbali e la constatazione che i tempi civilistici per ottenere il dovuto sarebbero stati inevitabilmente lunghi, il 51enne ha deciso di subentrare nella controversia "alla sua maniera", piombando di persona nell’ esercizio commerciale e minacciando di bruciare il negozio e di far fuori la sbigottita affittuaria. La donna agitatissima ha prima allertato il 113 e poi sporto querela in Questura. La Squadra Mobile, riscontrata la vicenda anche attraverso la audizione di alcuni testimoni, ha denunciato l’ uomo alla Procura della Repubblica.

Leggi tutto...

Tentato furto al Lucca 7: denunciato 27enne

Polizia Stato 8La Polizia di Lucca ha risolto un tentativo di furto perpetrato nottetempo in danno del bar sito del complesso sportivo Lucca 7 di piazzale Aldo Moro a San Concordio. Dopo la denuncia da parte della donna che gestisce il bar c'è stato il sopralluogo effettuato dalla Polizia Scientifica che aveva consentito di rinvenire elementi utili per individuare il responsabile della effrazione, che non era riuscito ad entrare all’interno dello stabile, ma che aveva causato danni alla grata di una finestra e addirittura tentato di forzare, infruttuosamente, il tetto in metallo del bar.

Leggi tutto...

Muore cercatore di funghi precipitato in un dirupo

di Roberto Salotti
562e5ebfe7Un drammatico incidente in montagna e un terribile volo nel dirupo, giù nel fosso di Pian di Vaglio, in Valfegana. E’ la tragica fine di un cercatore di funghi di 66 anni di Calavorno. Per Giorgio Cerri, pensionato, non c'è stato niente da fare: è morto sul colpo dopo aver sbattuto violentemente la testa contro un masso del corso d'acqua. Lascia nella disperazione la moglie con la quale viveva. Inutili le richieste di aiuto di un amico che si trovava con lui. Quando i soccorritori, con una certa difficoltà, vista la natura impervia del luogo, hanno raggiunto il punto dell'incidente, Cerri era già privo di vita. L'allarme è stato dato dal compagno di escursione poco prima delle 16,30 ma l'orario dell'incidente viene collocato dai carabinieri di Bagni di Lucca circa un'ora prima.

Leggi tutto...

“C'è un bimbo nel cassonetto”, ma era solo una bambola

20140702 razzo.jpg.pagespeed.ce.EABTli-9qRHa dato l'allarme al 118 dopo aver udito un vagito provenire da un cassonetto dell'immondizia. Fortunatamente, però, si trattava soltanto di una bambola parlante che era stata gettata via. E’ accaduto poco dopo 15 di oggi (22 luglio) nel quartiere di Sant'Anna. Sul posto, oltre ai volontari dell'ambulanza, sono arrivati anche gli agenti delle volanti che hanno verificato che fortunatamente si trattava soltanto di un falso allarme. Ad avvertire della possibile presenza di un bambino nel cassonetto è stato un signore che ha sentito come un lamento ma che non ha avuto il coraggio di avvicinarsi troppo.

Leggi tutto...

Paura a Ponte Rosso: “All'improvviso c'era il fango in casa”

di Roberto Salotti
franaponterIl prato che era il luogo preferito per i giochi dei suoi bambini è stato cancellato. Letteralmente portato via da una frana a metà collina, lungo il corso di un torrente: l'erba e la terra è finita nella via per Camaiore e sull'argine della Freddana. Località Ponte Rosso. Ieri sera teatro di un'inondazione, oggi ricettacolo di polvere, fango. Un cumulo di detriti e pietre è stato ammassato in uno spiazzo lungo la strada. Mentre la famiglia Viani, una di quelle che vive proprio di fronte al ponte dove ha esondato la Freddana, si rimbocca le maniche e con l'aiuto della protezione civile salva dal fango quello che può. Eppure quel movimento franoso che ha provocato danni alle auto, agli elettrodomestici e ai mobili della casa era stata segnalata almeno due mesi fa: “Abbiamo scritto e telefonato più volte al Consorzio di Bonifica perché venissero a controllare - spiega Samanta - e hanno fatto un sopralluogo alla frana”.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it 

telefonoicona telefono 346.6194740

Libri

Giornalismi

Diritto per tutti

Newsletter