Menu
RSS

Lucca Port, chiusa la guerra legale con Manutencoop

luccaportLa battaglia legale fra Comune di Lucca e Manutencoop sulla gara per la gestione della piattaforma Lucca Port per il trasporto ecologico delle merci si è conclusa al Consiglio di Stato, con il respingimento del ricorso della società che aveva impugnato la sentenza del Tar che le aveva dato torto. Un'azione legale che Manutencoop aveva intentato nei confronti dell'amministrazione comunale, per l'incasso della cauzione della gara, nonostante la mancata firma del contratto per la gestione di Lucca Port. Era stata la stessa società a rifiutare di sottoscrivere l'affidamento, quando ormai la gara, indetta il 9 dicembre del 2014, era già stata espletata.

Sostanzialmente, come hanno ricostruito anche i giudici del Consiglio di Stato dove il caso è approdato recentemente, l'aggiudicataria della gara si era rifiutata di firmare l'affidamento chiedendo all'amministrazione di modificare il contratto. Una richiesta a cui il Comune si era fermamente opposto perché, avevano rilevato i commissari di gara e poi anche i giudici, le modifiche richieste non consistevano in semplici migliorie dell'offerta ma in un progetto diverso da quanto inizialmente messo a gara. Per questo l'amministrazione revocò l'aggiudicazione, incamerando anche il deposito cauzionale previsto dalla selezione pubblica. Agendo, anche secondo il consiglio di stato, legittimamente.
Già lo avevano sostenuto i giudici del Tar che avevano respinto il ricorso di Manutencoop che chiedeva l'annullamento dell'atto del Comune. Quella sentenza venne impugnata dalla società al Consiglio di Stato, che ugualmente ne ha respinto le richieste.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Torna in alto

 

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it 

telefonoicona telefono 346.6194740

Newsletter