Menu
RSS

Cacciatore colto da malore muore nel bosco

  • Pubblicato in Cronaca

LUE' stato ucciso da un malore mentre era a caccia nei boschi di Croce di Brancoli. Per Marco Pardini, 59 anni, di Lucca, non c'è stato purtroppo niente da fare. E' stata la moglie dell'uomo a far scattare i soccorsi: il marito le ha telefonato attorno alle 11 di stamani (27 gennaio) spiegandole che stava male. Poi è caduta la comunicazione e l'uomo non ha più risposto.  
Una squadra del soccorso alpino di Lucca, insieme ai vigili del fuoco e ad un mezzo del 118 hanno raggiunto la zona e iniziato le ricerche che si sono concluse attorno alle 14 con il rinvenimento del cadavere. E' stato un vigile del fuoco ad individuare la salma e a indicare agli altri il luogo del rinvenimento.

Leggi tutto...

Tradito dal ghiaccio, recuperata salma dell'alpinista

  • Pubblicato in Cronaca

560401 4619833184003 676160631 nConosceva la montagna e le sue insidie. Nonostante la sua giovane età, era già vice capo squadra del Soccorso alpino e a febbraio sarebbe diventato un tecnico. Un esperto scalatore, purtroppo tradito da una lastra di ghiaccio, di ritorno da un'escursione sulla Pania della Croce (Leggi). Moritz Stefan Wallenstatter, originario della Germana ma da tanti anni residente con la famiglia nella frazione di S. Andrea di Foggia, a Rapallo, in provincia di Genova, è morto così. I due amici che percorrevano con lui il Vallone dell'inferno, al di sotto del rifugio Rossi, ieri pomeriggio attorno alle 15,30, lo hanno visto scivolare e precipitare di diversi metri al di sotto nella Buca della neve, un crepaccio ricoperto di ghiaccio dove l'alpinista ha perso la vita. La salma è stata recuperata questa mattina (21 gennaio) dagli uomini del Soccorso alpino di Lucca, con l'intervento dell'elisoccorso. 

Leggi tutto...

Rischi in montagna dopo il vento forte

sast 2A seguito della forte libecciata di Mercoledì che ha interessato la nostra Regione e anche a causa dell’evoluzione meteo dei giorni scorsi, il Soccorso Alpino e Speleologico Toscano raccomanda la massima prudenza ai frequentatori della montagna.
Molti soccorritori hanno segnalato la presenza di neve “lavorata” sopra quota 1400 metri: le precipitazioni ed il forte vento hanno spazzato via il manto di neve fresca lasciando scoperta una neve molto ghiacciata (una sorta di crosta ghiacciata). Ad esempio nell’alta Garfagnana il vento di libeccio si è trascinato con sé dell’aria fredda: dunque se in pianura si è avvertita una temperatura piuttosto mite, in quota si sono registrate temperature sotto lo zero.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

 

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it 

telefonoicona telefono 346.6194740

Newsletter