Menu
RSS

Viareggio, donne in piazza contro la violenza

donneAnche a Viareggio domenica scorsa (17 settembre) le donne sono scese in piazza contro gli stupri, i femminicidi e la violenza di genere. In piazza Margherita, dentro al percorso 'Non una di meno', si sono date appuntamento in diverse decine per dare vita a un presidio caratterizzato da interventi contro il sessismo e le strumentalizzazioni razziste accompagnato dalla distribuzione di volantini.

Leggi tutto...

Abusi nel bosco, vittima: non conosco i miei aggressori

  • Pubblicato in Cronaca

di Roberto Salotti
Carabinieri auto di notteDue ore di abusi in quel boschetto. Nelle mani dei suoi due aguzzini, che ora la trentenne accusa di averla violentata. Sarebbe durato dalle tre alle cinque della notte tra venerdì e sabato scorsi (9 settembre) l'incubo per la giovane donna, che all'alba è stata soccorsa da alcuni clienti del bar della stazione di rifornimento Aquila, nella zona del Frizzone, tra Porcari e Capannori (Leggi). E' ancora ricoverata all'ospedale San Luca, per le lesioni lacero contuse che si è provocata fuggendo tra i rovi e nei campi prima di riuscire ad arrivare alla strada e a chiedere aiuto alle persone che si trovavano nel locale. Ma la giovane, conosciuta come assuntrice di stupefacenti, e colpita da un obbligo di dimora a Lucca, comune dove risiede, è ancora sotto choc e al momento appare piuttosto reticente agli stessi inquirenti. Ancora tanti i punti oscuri di quel racconto, che i carabinieri che indagano sulla vicenda, inquietante se venisse confermata in ogni suo dettaglio, stanno cercando di chiarire.

Leggi tutto...

Ciancarella: "Carabinieri accusati di stupro, non si può generalizzare"

mariociancarellaSolidarietà da Mario Ciancarella all'Arma dei carabinieri, dopo la denuncia di due giovani americane che hanno accusato due militari di averle stuprate nel loro appartamento a Firenze. Il capitano dell'aeronautica militare invita a non fare di ogni erba un fascio: "Con la vicenda dei due carabinieri che avrebbero stuprato e comunque consumato atti sessuali verso due ragazze statunitensi, si è aperta una profonda ferita in un'Arma da sempre schierata a tutela della sicurezza dei cittadini e della loro serenità. Spiace profondamente che dei carabinieri possano addurre il consenso della vittima, in una vicenda in cui, vestendo la divisa, avevano già commesso un atto inaccettabile nel condurre sul proprio mezzo di servizio due turiste in evidente difficoltà".

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

 

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it 

telefonoicona telefono 346.6194740

Newsletter