Menu
RSS

'Media e violenza di genere' successo per il seminario

31 palazzo bastogiUn seminario su "media e violenza di genere", organizzato da Regione, ordine dei giornalisti, associazione stampa toscana e commissione regionale pari opportunità. E' quello che si è tenuto oggi a palazzo Bastogi, per "affrontare in maniera nuova un fenomeno devastante, dirompente e quotidiano come la violenza di genere". Così il presidente dell’Ast, Sandro Bennucci, introducendo i lavori dell’appuntamento "Linguaggio dei media e genere", per sensibilizzare e formare i giornalisti e contribuire ad una corretta rappresentazione dell’immagine femminile. Come sottolineato, il seminario si inserisce nella scia dell’accordo per la prevenzione ed il contrasto della violenza di genere, sottoscritto da Regione Toscana, Crpo, Odg e Ast. Il primo accordo di questo tipo, in Italia a livello istituzionale, che chiama tutti a fare la propria parte per combattere un fenomeno sociale, partendo dalla cultura.


"Mentre noi stiamo partecipando a questo incontro – ha sottolineato Bennucci – in contemporanea la federazione della stampa ha organizzato un sit in davanti all’ambasciata maltese, per sensibilizzare e chiedere la fine dell’impunità per i crimini contro i giornalisti, come l’investigatrice maltese anticorruzione Daphne Caruana Galizia, morta nell’esplosione della sua auto". Un seminario quindi nel nome delle donne, ma anche un seminario alla memoria di un collega recentemente scomparso: "Dario Rossi, da tutti noi apprezzato come professionista, attivo nel sindacato e anche presidente del gruppo uffici stampa"; desideriamo dedicare a lui questo nostro incontro di formazione, come faremo anche per altre iniziative", ha assicurato Bennucci.
Negli indirizzi di saluto l’intervento di Cristiana Rita Alfonsi, responsabile di segreteria della vicepresidente della Regione Toscana, Monica Barni, che ha ricordato le iniziative della Regione sul fronte della parità di genere, particolarmente legate ai giovani e al mondo della scuola.

Per l’Odg è intervenuto Domenico Guarino, per affrontare "Il linguaggio e la deontologia professionale come argine alla violenza di genere". Le giornaliste Lucia Aterini e Chiara Brilli hanno offerto contributi su "Le opportunità del dialogo con i centri antiviolenza" e su "La voce delle vittime: testimonianze dirette di donne che hanno subito violenza". Cecilia Robustelli, docente di Linguistica italiana e collaboratrice dell’Accademia della Crusca, si è invece concentrata su "Linguaggio dei media e questioni di genere”. Gli altri due seminari in programma, sempre dalle 10 alle 14, si terranno a Livorno il 13 novembre (sala consiliare della Provincia, piazza del Municipio, 4) e a Siena il 21 novembre (sede dell’Università per stranieri, aula 1-2, piazza Carlo Rosselli 27/28).

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Torna in alto

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it 

telefonoicona telefono 346.6194740

Libri

Giornalismi

Diritto per tutti

Newsletter