Menu
RSS

Assemblea pubblica a Capannori per la libertà vaccinale

vaccinazioneIl gruppo dei genitori Lucca-Versilia uniti per la libertà vaccinale organizza un’assemblea pubblica giovedi (8 giugno) alle 21 alla sala comunale Aldo Moro a Capannori per parlare del decreto legge Lorenzin. "Nel nostro paese - dicono i genitori - non esiste nessuna emergenza sanitaria e non sono in corso allarmi sanitari nelle scuole. Perché se allo stato attuale non vi è nessuna emergenza si è deciso di legiferare adottando lo strumento del decreto legge? Perché legare il rispetto dell’obbligo vaccinale con l’accesso alle scuole dell’infanzia e della scuola dell’obbligo? Cos’è cambiato dal 1999 quando il presidente della Repubblica consentì a tutti i bambini vaccinati e non, l’accesso alle scuole? Perché se l’obiettivo è incrementare la copertura vaccinale non si fa come in 15 paesi dell’Europa occidentale, quelli più sviluppati e con i migliori sistemi sanitari, investendo nell’informazione e nella persuasione invece che nell’obbligo? Perché colpevolizzare i bambini, quelli da zero a sei anni, vaccinati parzialmente o non vaccinati, lasciandoli fuori dai nidi, dalle scuole d’infanzia e dai servizi integrati all’infanzia? Perché i genitori dei bambini e degli adolescenti che già frequentano la scuola dell’obbligo o che devono iscriversi e che sono parzialmente vaccinati o non vaccinati dovranno pagare multe salate da 500 a 7500 euro per poter ottemperare al diritto- dovere di mandare a scuola i loro figli? Se il decreto diventerà legge i vaccini obbligatori passeranno da 4 a 12 ma potrebbero non essere abbastanza. Infatti il piano nazionale 2017-2019 ne propone ben 15 per un totale di 48 vaccinazioni. Le valutazioni della copertura utile per mantenere l’immunità di gregge fatte dal ministero della salute prendono erroneamente in considerazione solo i bambini da 0 a 2 anni. Ma il resto della popolazione non rappresenta un pericolo per i bambini immunodepressi? Come si comporterà il governo con i turisti provenienti dai 15 paesi europei dove non vige l’obbligo di vaccinazione? Chiederanno a tutti il libretto vaccinale per salvaguardare l’immunità di gregge?".

Leggi tutto...

Alla Pellegrini di Massarosa una dimostrazione di baskin con i genitori degli alunni

baskinDomani (6 giugno) alle 17 alla palestra della scuola secondaria di primo grado Pellegrini di Massarosa si è svolgerà un allenamento-partita di baskin con la partecipazione dei genitori degli alunni.
Una lezione aperta a tutti di baskin, lo sport per tutti, che l’istituto comprensivo Massarosa 1 ha organizzato come attività extracurricolare ottenendo grandi consensi di alunni, genitori e personale specializzato. Una dimostrazione che si concluderà con la partita vera e propria. Alla fine anche i genitori presenti durante le lezioni , attratti dal tutto, indosseranno la maglietta e si metteranno loro stessi a giocare.

Leggi tutto...

"No gender", firmato il patto con i comitati

IMG 2884Santini e Martinelli si impegnano a mettere in campo azioni "a difesa della famiglia". Si è svolto oggi (16 maggio) nella sede elettorale di Forza Italia di viale Puccini a Sant’Anna l’incontro tra il candidato sindaco Remo Santini, il candidato al consiglio comunale capolista di Forza Italia Marco Martinelli e i rappresentanti locali di Generazione Famiglia Barbara Canova e del comitato Difendiamo i Nostri Figli Elisabetta Samek Lodovici (associazioni queste promotrici degli ultimi Family Day di Piazza San Giovanni e del Circo Massimo a Roma). Remo Santini e Marco Martinelli sottoscrivendo il manifesto politico delle due associazioni si sono impegnati a "rispettare e a portare avanti, se eletti alla guida di Lucca in occasione della prossima tornata elettorale - si legge in una nota -, i valori espressi nei due documenti che in sintesi riguardano, tra l’altro, il favorire e promuovere la famiglia quale società naturale fondata su un uomo e una donna, naturalmente orientata all’accoglienza e alla protezione dei figli, in particolare offrendo servizi per incentivare la formazione di nuove famiglie e la piena realizzazione della paternità e della maternità; garantire il diritto della famiglia di scegliere e indirizzare in via prioritaria l’educazione generale dei figli, in particolare per quanto riguarda corsi, progetti e ogni altra attività svolta nelle scuole sui temi della sessualità e dell’affettività; l'impegno a non finanziare né sponsorizzare progetti per le scuole fondati sulle "teorie di genere", ed altresì a promuoverela cessazione o evitare l’adesione dell’amministrazione a qualsiasi forma di partecipazione a programmi politici o sociali (come la Rete Ready) che si fondino sulla diffusione dell’ideologia Gender e sulla attuazione dell’agenda Lgbt".

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it 

telefonoicona telefono 346.6194740

Libri

Giornalismi

Diritto per tutti

Newsletter