Menu
RSS

Legge contro i simboli fascisti, Verona scrive a Grasso

ossariostazzemaIl sindaco di Stazzema Maurizio Verona ha scritto al presidente del Senato Pietro Grasso per chiedere un sostegno per una rapida calendarizzazione del disegno di legge Fiano approvato dalla Camera nella seduta di ieri (12 settembre). Il sindaco ha espresso la sua soddisfazione per l’approvazione di una proposta di legge che mira a punire la propaganda del regime fascista e nazifascista con immagini e contenuti, vietando la produzione, la distribuzione, la diffusione e la vendita di beni mobili raffiguranti immagini o simboli del disciolto partito fascista con l’obiettivo di integrare la legge 20 giugno 1952, 645 che dà attuazione alla dodicesima disposizione transitoria della Costituzione che vieta la ricostituzione del dissolto Partito fascista.

Leggi tutto...

Legge aree protette, insorgono i cacciatori

21729332 10213859874560683 1728129215 n242 appostamenti di caccia persi solo nella Provincia di Lucca e oltre 2mila cacciatori "disoccupati". Queste alcune delle tante conseguenze che porterà la modifica alla tanto discussa legge 394 sulle aree protette – in dirittura d’arrivo in Senato – presa in analisi oggi (13 settembre) nella sala Accademia di Palazzo Ducale da alcuni membri della Confederazione cacciatori della Toscana. Un argomento, quello della caccia, che da sempre porta con sé il fascino della tradizione ma anche tante critiche e disapprovazioni, ma chi oggi si batte per la revisione di tale modifica e desidera un passo indietro non lo fa solo per faccende di cuore: a rischio, infatti, non solo la biodiversità delle specie animali ma anche le attività agricole e le coltivazioni, la sicurezza delle strade e, ovviamente, anche della stessa popolazione data dall’aumento dei cinghiali. Quello dell’alto numero degli ungulati è infatti una problematica che interessa tutti, dall’alta Garfagnana alle campagne del Compitese, e con la modifica apportata alla legge di famiglie di cinghiali nel giardino di casa se ne sentirà parlare sicuramente molto di più.

Leggi tutto...

Legambiente, Wwf e Italia Nostra: "Su caccia provvedimento sconcertante dalla Toscana"

cacciatori"Sconcertante provvedimento della giunta regionale sull'avvio della stagione venatoria". Così lo definiscono le associazioni ambientaliste Italia Nostra, Legambiente e Wwf. "Dopo le dichiarazioni del presidente Rossi - dicono - che sembravano far presagire un "risveglio" della Regione Toscana in tema di tutela della fauna, la consueta politica filovenatoria dell'assessore regionale ha preso di nuovo e per l'ennesima volta il sopravvento. Un trionfo della lobby della caccia pessimamente mascherato da cerchiobottismo. Di fronte ai numerosi incendi boschivi e a una siccità che ha portato la Regione a chiedere giustamente al governo lo stato di calamità, la Regione non prevede alcun posticipo per l'inizio della stagione venatoria. Anzi. Addirittura, conferma la preapertura per il 2 e 3 settembre. La Regione "grazia" pochissime specie per due sole giornate, ma lascia i cacciatori pronti a sparare, sin dai primi giorni di settembre, su animali selvatici stremati dalla calamità naturale invocata dalla Regione stessa. Cosa che colpirà, come al solito, sia specie cacciabili che non cacciabili".

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it 

telefonoicona telefono 346.6194740

Libri

Giornalismi

Diritto per tutti

Newsletter