Menu
RSS

Provincia, conti all'osso: “Mancano soldi per scuole”

IMG 4845Un rifinanziamento urgente della Provincia per riattivare i servizi essenziali ai cittadini: sicurezza nelle scuole e viabilità stradale le priorità maggiormente a rischio. Queste, in sostanza, le premesse su cui si fonda la rivendicazione di una cinquantina di dipendenti dell’ente ed esponenti dei sindacati (Cgil, Uil, Cisl, Rsu) che questa mattina (23 maggio) hanno organizzato un presidio davanti a Palazzo Ducale, in concomitanza con le Province di tutta Italia. Causa scatenante dell’agitazione la riforma delle Province che, drenando risorse direttamente dalla contribuzione dei cittadini, ha avuto ripercussioni gravi sull’erogazione delle prestazioni territoriali di base. Il “prelievo forzoso” del governo - come lo definiscono i manifestanti - ammonterebbe a trentasette milioni di euro, che servono a coprire le spese dell’apparato centrale a danno delle comunità locali: ai trenta milioni di tasse versati dai cittadini, infatti, se ne aggiungono altri 7 che il governo ha tagliato per l’anno 2017. Dal 2015 ad oggi, i tagli si sarebbero addirittura triplicati.

Leggi tutto...

Abolizione dei minimi tariffari, protestano i geologi

geologi"Lavoro professionale mercificato e remunerato al di sotto di qualsiasi limite sindacale a danno della qualità e del pubblico interesse che le pubbliche amministrazioni credevano di tutelare col ricorso sistematico a bandi al ribasso. Non è un caso che le ristrutturazioni di edifici pubblici appaltate al ribasso sino state collaudate nei fatti, dal terremoto, con numerosi crolli". La presidente dell'Ordine dei geologi della Toscana, Maria Teresa Fagioli, non ha dubbi sul fatto che siano questi alcuni degli effetti dell'abolizione dei famigerati “minimi tariffari” avvenuta 11 anni fa con il cosiddetto Decreto Bersani.

Leggi tutto...

Immagini porno nella sortita, 'maniaco' nel mirino

  • Pubblicato in Cronaca

sottopassi4Non bastavano i vandali a deturpare la sortita di San Colombano. Da diverse settimane, c'è un "maniaco" che dissemina preservativi e immagini pornografica lungo la salita alle Mura, molto frequentata non soltanto dai turisti ma anche da studenti e scolaresche. Un problema che è stato sollevato alcuni giorni fa da una madre e residente del centro storico, che ha preso carta e penna scrivendo una lettera al sindaco Alessandro Tambellini per chiedere di intervenire.
Ma a quanto pare è difficile contrastare i "blitz" dello "sporcaccione" di San Colombano. Perché gli addetti delle pulizie non fanno in tempo a spazzare via le tracce lasciate alla sortita, che il vandalo torna in azione, firmando anche alcune scritte scabrose sui muri del passaggio all'interno delle Mura.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it 

telefonoicona telefono 346.6194740

Libri

Giornalismi

Diritto per tutti

Newsletter