Menu
RSS

Minorenne rapinato alla stazione: fermati in due

  • Pubblicato in Cronaca

IMG 1480La polizia li ha scovati in un giaciglio di fortuna, in un casolare abbandonato tra la via Vecchia Pisana e la via di San Donato. Qui si nascondevano i due presunti rapinatori di un ragazzino di appena 16 anni, minacciato con un coltello alla gola mentre sotto il portico della stazione di Lucca stava attendendo che amici lo venissero a prendere in auto per andare ad una festa in un noto locale della città. Un sabato sera che tuttavia era finito nel terrore per il minorenne, avvicinato da due loschi individui, uno dei quali ha estratto l'arma per farsi consegnare il denaro, appena 20 euro (Leggi).

Leggi tutto...

Stuprano e filmano una ragazza: fermati in due

  • Pubblicato in Cronaca

poliziacittaMinacciata e violentata per ore da due connazionali, mentre lo stupro veniva filmato anche con un telefonino. E' successo a Viareggio in quella che è stata una nottata da incubo per una giovane di origine marocchina, che ha avuto però la forza di denunciare i due aguzzini, sottoposti a fermo di polizia giudiziaria. Ad essere fermati sono stati il 25enne Abdelfattah Manar e il 27enne Rachib Chaoub ritenuti responsabili dei reati di sequestro di persona, violenza sessuale aggravata e lesioni in concorso tra loro.

Leggi tutto...

Colto sul fatto mentre ruba alla Sgb di Mugnano

  • Pubblicato in Cronaca

sgbE’ stato beccato sul fatto, mentre rubava all’interno della Sgb, Sale Giochi Barsanti, azienda di noleggio di apparecchi di intrattenimento di via Enrico Mattei a Mugnano. Qualcosa è andato storto nel colpo organizzato da due persone che, nel tentare di rubare all’interno dell’azienda, dopo aver scavalcato i cancelli e forzato una delle porte di ingresso, hanno fatto scattare l’allarme, collegato alla società di vigilanza privata Fidelitas di Lucca e alla polizia. In pochi minuti, infatti, sia i vigilantes sia gli agenti di polizia sono arrivati sul posto. Uno dei due malviventi è riuscito a fuggire e a far perdere le proprie tracce. Un altro, un uomo di origine kosovara è stato invece bloccato e identificato negli uffici della questura di Lucca in attesa delle decisioni dell’autorità giudiziaria sulla sua posizione.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

 

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it 

telefonoicona telefono 346.6194740

Newsletter