Menu
RSS

A Palazzo Guinigi il consiglio federale della Federazione italiana volontari della libertà

fivlDopo molti anni Lucca si appresta ad accogliere sabato (30 settembre) alle 11 al Museo della Liberazione di Lucca a Palazzo Guinigi, il consiglio federale della Federazione italiana volontari della libertà. Ovvero la realtà che dal 1948 raccoglie le anime della Resistenza autonoma e cattolica fondata dal generale Raffaele Cadorna (a capo dal 1944 del Corpo volontari della libertà il braccio militare della Resistenza con vice Longo e Parri, coordinò la strategia militare della resistenza e ordinò l’insurrezione del 25 aprile), da Enrico Mattei, dai comandanti partigiani Mario Argenton, Aurelio Ferrando, Paolo Emilio Taviani. A ricevere i consiglieri provenienti da tutta Italia il presidente dell’Associazione volontari della libertà Lucca Andrea Giannasi, che siede nel consesso più importante della Fivl da due anni, e il vicepresidente di Avl Lucca, Giuseppe Francesconi.

Leggi tutto...

Campionato italiano di acrobazia aerea, tutti i vincitori

FOTO DI GRUPPOSi è concluso domenica (10 settembre) con la premiazione della gara, il campionato italiano di acrobazia aerea a motore svoltosi all'aeroporto di Capannori a Tassignano durante il primo fine settimana della Festa dell’Aria. Alla consegna dei premi erano presenti, tra gli altri, l'assessore Matteo Francesconi e il presidente dell'Aero Club Lucca Alfredo Vannini.

Leggi tutto...

Francesconi non ci sta: “Basta macchina del fango”

Michele Francesconi 001Un invito a moderare i toni, a superare ripicche e "sputtanamenti". Anche il centrodestra riflette sul risultato elettorale e fa emergere distinguo e posizioni diverse rispetto a quello dell'ex candidato sindaco Remo Santini, che cavalca ancora l'anima barricadera della sua coalizione.
E' Michele Francesconi, coordinatore della lista SiAmo Lucca per le ultime elezioni, a chiedere di abbassare i toni: "Adesso, per cortesia, smettiamola - dice - L’impegno politico deve essere caratterizzato da un atteggiamento nobile, altruista, responsabile. Non posso accettare che la politica venga ricondotta ad una valanga di fango che lascia solo macerie e ferite. Sappiamo tutti che la politica non è solo questione tra angioletti, spesso sono necessari accordi, compromessi e relazioni ma questi devono avere come fine ultimo il bene di una comunità più o meno ampia. Il cittadino ha bisogno di riconoscersi in figure che siano in grado di garantire questo atteggiamento, non è più tollerabile che oltre la metà degli aventi diritto al voto non riesca più a condividere un progetto, una linea politica; non è più sostenibile che un paese, un Comune, possa sopravvivere senza il consenso dei propri cittadini, senza un confronto elettorale diffuso".
"La sfiducia nei partiti - prosegue Francesconi - nelle proposte amministrative, rappresenta la sfiducia nelle istituzioni. Come possiamo recuperare questo paese, questo territorio senza una partecipazione della base, un coinvolgimento del popolo; la sconfitta politica è generale ed è rappresentata dal coinvolgimento di meno della metà degli elettori, l’incapacità di proposte e di programmi che ormai non riescono più ad intercettare la maggior parte dei cittadini, a generare e stimolare il loro interesse, attraverso un impegno ed un approfondimento dei temi e delle diverse posizioni politiche".
"Lo spettacolo a cui stiamo assistendo adesso - commenta - non fa altro che allontanare i cittadini dal mondo della politica, inquadrandolo ancora di più come un mostro che si nutre di inciuci, interessi personali e paludi che niente hanno a che fare con la vita reale dei cittadini, quella fatta di lavoro, di valori, di principi, di fatica e responsabilità. La forbice tra mondo reale e politica, già ampia da ormai molti anni, sarà destinata ad ampliarsi se la rappresentanza politica non si ferma a riflettere per proporsi con un atteggiamento differente, responsabile, calato sul quotidiano, svincolato da interessi personali e poltrone. Accordi, inciuci, sponde, finzioni e sputtanate non sono più accettabili, il paese sta soffrendo, il nostro territorio vive situazioni di grande difficoltà, è necessario un atteggiamento più concreto della politica e dei suoi rappresentanti, un atteggiamento che veda il cittadino al centro della sua attività. Sarà necessario quindi che la politica, a tutti i livelli, scenda sulla terra e si confronti in modo serio e onesto con i cittadini, per assumere un atteggiamento costruttivo, volto al recupero ed allo sviluppo di un territorio. Solo così si riuscirà a coinvolgere nuovamente la popolazione nelle scelte elettorali, costruendo quindi un’azione di governo condivisa e spendibile sul territorio".

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it 

telefonoicona telefono 346.6194740

Libri

Giornalismi

Diritto per tutti

Newsletter