Menu
RSS

Santini, liste civiche in assemblea pronte per opposizione

listecivicheLe liste civiche per Santini si preparano per fare opposizione in consiglio comunale. Dopo la sconfitta elettorale, che ancora brucia, e tutte le polemiche del caso la macchina di SiAmo Lucca e Lucca in Movimento continua a lavorare per il futuro della città. Anche se dai banchi dell'opposizione. Una risposta, anche se indiretta, alle affermazioni del coordinatore comunale di Fratelli d'Italia, Marco Chiari, che aveva messo in dubbio la "tenuta" delle liste civiche all'indomani del voto. "Ieri sera - scrive Santini sulla sua pagina Facebook - prima riunione delle liste civiche SiAmo Lucca e Lucca in Movimento. In attesa di perfezionare il ricorso al Tar per gli episodi dubbi in alcuni seggi, abbiamo rinserrato le fila per studiare le strategie di opposizione. La metà dei cittadini che ha votato ha scelto noi, e ci batteremo per migliorare territorio e città".

Leggi tutto...

C'è un Udc che sta con Santini: appello di Azzarà e Garbini

remosantiniAntonino Azzarà, consigliere comunale uscente e candidato con la lista Lucca in Movimento, assieme all'ex consigliere Udc Mauro Garbini,riconfermano con forza il pieno sostegno a Remo Santini. "Anche il gruppo consiliare dell'Udc di Capannori, rappresentato dai consiglieri Paolo Rontani e Giovanni Marchi, che hanno fattivamente collaborato all'affermazione della lista Lucca in Movimento - si legge in una nota -, condividendone il programma e la linea politica, continuano ad essere fortemente impegnati a far votare Santini come migliore sindaco per la nostra città".

Leggi tutto...

Lucca in Movimento: "Famiglie da sostenere con aiuti e agevolazioni"

comuneluccaLucca in Movimento per Remo Santini sindaco interviene sul ruolo della famiglia e ricordando i punti programmatici che vanno nella direzione della sua assistenza e agevolazioni. “In momenti così difficili è più che mai fondamentale il ruolo della famiglia che in certi casi può rappresentare e spesso rappresenta il vero ammortizzatore sociale - si legge in una nota -. La crisi economica, la disoccupazione, particolarmente quella giovanile, la quasi scomparsa del ceto medio, lo scivolamento nella fascia di povertà di alcune categorie di cittadini, obbligano le istituzioni ad ogni livello a ripensare il modello di welfare, in cui la famiglia sia al centro degli interventi pubblici e quindi principalmente del comune, che conosce più da vicino i bisogni".

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it 

telefonoicona telefono 346.6194740

Libri

Giornalismi

Diritto per tutti

Newsletter