Menu
RSS

Cambio appalti pulizie treni, Dussmann riassorbe 17 lavoratori

trenipendolariSi è tenuta oggi (26 ottobre) nella sede della presidenza della Regione Toscana, alla presenza del consigliere alle attività produttive, credito e lavoro Gianfranco Simoncini e del dottor Michele Beudò della direzione lavoro - settore lavoro della Dussmann Service un incontro in cui sono state affrontate le criticità emerse dalla vicenda sul cambio d’appalto per le pulizie ferroviarie regionali. Al tavolo, oltre a Dussmann, sono intervenute le altre aziende aggiudicatarie degli altri due lotti e tutte le sigle sindacali.

Leggi tutto...

Cambio appalto pulizie treni, Sinistra Italiana: "Non sulla pelle dei lavoratori"

treno“Il cambio di appalto non può essere fatto sulla pelle dei lavoratori. La Regione richiami Trenitalia alle proprie responsabilità, ha il diritto e soprattutto il dovere di farlo, visto che si tratta di soldi pubblici”. I coordinatori di Sinistra Italiana Toscana Daniela Lastri e Marco Sabatini intervengono a proposito del caso degli appalti per la pulizia dei treni regionali, con circa 50 dipendenti che rischiano di restare a casa in seguito all’ingresso delle nuove società che hanno vinto la gara di appalto con il subentro che dovrebbe avvenire nei prossimi giorni. Tre i lotti interessati, quello di Pisa (che comprende Pisa deposito-Livorno deposito-Grosseto e Siena) il più critico, con 23 persone coinvolte.

Leggi tutto...

Cambio appalti pulizie treni, cresce la protesta dei lavoratori

treni swingSabato (14 ottobre) alle 21 i lavoratori dei servizi di pulizia dei treni regionali si sono mobilitati davanti ai cancelli dell'impianto di Osmannoro per le preoccupazione della tenuta occupazionale del settore. Il 13 ottobre, infatti, si era tenuto un incontro con le due aziende subentranti, "durante il quale - spiegano le segreterie regionali della Toscana di Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Ugl e Orsa - non si erano rese disponibili a sottoscrivere un verbale di cambio appalto che prevedesse il passaggio dei lavoratori oggi operanti nel settore alle condizioni contrattuali presenti, proponendo soluzioni che non permetterebbero il reale svolgimento del servizio che la Regione Toscana paga.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

 

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it 

telefonoicona telefono 346.6194740

Newsletter