Menu
RSS

Formazione 4.0, Grieco: "Avanti per progettare il futuro"

grieco3Formazione 4.0, alternanza scuola lavoro, opportunità per le imprese e per l'occupazione. Questi i temi al centro della tavola rotonda promossa dalla Regione che si è svolta oggi (13 marzo) a Palazzo Strozzi Sacrati. Oltre all'assessore all'istruzione, formazione e lavoro, Cristina Grieco, hanno partecipato Gualtiero Fantoni dell'Università di Pisa, curatore del volume Industria 4.0 senza slogan, il responsabile della direzione Istruzione e formazione della Regione Paolo Baldi e la dirigente Maria Chiara Montomoli, Massimiliano Guerrini della Fondazione Mita, l'Its (istituto tecnico superiore) che è entrato nella sperimentazione nazionale avviata dal ministero dell'istruzione grazie ad progetto basato sulla computer tomography 3D.

"Si tratta di un progetto che ben esemplifica - ha spiegato l'assessore Grieco - la direzione verso cui la Regione sta lavorando con convinzione. Non a caso il progetto prescelto a livello nazionale, quello elaborato dall'Istituto Tecnico superiore Mita per trasferire la tecnologia digitale 3d all'industria manifatturiera della pelle, è stato finanziato nell'ambito del progetto Giovanisì, con risorse del Fondo
sociale europeo. Gli Its sono scuole ad alta specializzazione tecnologica nate per rispondere alla domanda delle imprese e sono quindi un punto chiave della strategia regionale per l'industria 4.0, che ha un punto di forza nella formazione, ma passa poi trasversalmente in tutte le filiere strategiche per lo sviluppo dell'economia regionale. Fra pochi giorni dovrebbe uscire un bando". Nati per rispondere alla domanda di nuove ed elevate competenze tecniche e tecnologiche da parte delle imprese in aree strategiche per lo sviluppo toscano e individuate con il concorso attivo delle imprese, gli Its possono vantare risultati di non poco conto, ribaditi nel corso della tavola rotonda di oggi: quasi tutti gli studenti che li frequentano trovano velocemente un posto di lavoro, appena finiti gli studi.
L'assessore ha ricordato che la giunta ha definito un documento di indirizzi che orienta verso l'obiettivo del paradigma 4.0 tutti gli strumenti di intervento a disposizione della Regione e che la formazione dovrà, sempre di più, strutturarsi come una sorta di co-progettazione, in cui imprese e sistema scolastico e formativo dialogano fra loro. Entro poche settimane saranno disponibili i bandi regionali per la formazione 4.0 dei manager e, a seguire, per l'alternanza scuola lavoro. O meglio, per l'alleanza tra scuola e lavoro.
Ecco le direttrici strategiche dell'intervento regionale, alcune delle quali (voucher per manager, alternanza scuola-lavoro e percorsi Its) rientrano nell'ambito di Giovanisì, il progetto regionale per l'autonomia dei giovani. Il primo bando previsto, in uscita entro marzo, servirà a finanziare voucher per manager d'azienda e promuoverne la partecipazione a percorsi formativi di sensibilizzazione e informazione sulle innovazioni necessarie per competere nell'economia digitale. L'importo massimo di
ciascun voucher aziendale sarà pari a 2.500 euro per ogni manager. I voucher potranno essere spesi presso Agenzie formative accreditate dalla Regione Toscana, Università e Scuole di alta formazione italiane in possesso del riconoscimento del Ministero l'istruzione e l'università e, in caso di percorso realizzato fuori dalla Toscana, agenzie formative accreditate dalla Regione di appartenenza.
A maggio sarà approvato un ulteriore avviso di formazione continua, su Industria 4.0, rivolta agli imprenditori: i percorsi formativi finanziati forniranno agli imprenditori gli strumenti necessari per compiere scelte di investimento consapevoli e per sfruttare così appieno, nei processi produttivi e nei modelli di business, le opportunità offerte dalle nuove tecnologie. La necessità di rafforzare a tutti i livelli le alleanze tra chi fa impresa e chi forma, sta a fondamento della scelta nazionale di individuare nell'alternanza scuola-lavoro, una delle direttrici chiave per diffondere la cultura 4.0. Il rafforzamento delle competenze digitali, e di quelle trasversali degli studenti, sarà sostenuto da un finanziamento regionale di circa 2,8 mln di euro nel prossimo triennio: l'avviso di prossima uscita servirà per interventi a supporto della realizzazione dei percorsi di alternanza scuola-lavoro, con priorità per i progetti che contribuiranno allo sviluppo e al consolidamento delle competenze digitali degli studenti.
Saranno adeguati poi anche i profili professionali presenti nel repertorio della Regione, riferimento puntuale per il rilascio di attestati di qualificazione professionale e per i processi di individuazione, validazione e certificazione delle competenze. Con l'aggiornamento del repertorio, contenuti oramai obsoleti di figure professionali saranno sostituiti da nuovi, definiti a livello comunitario. Con riferimento alla filiera Ict, ad esempio, saranno attivati nelle prossime settimane i profili di Systems Analyst, Systems Administrator e Database Administrator: a seguire, quelli di Ict Security Specialist, Developer, Digital Media Specialist, Network Specialist, Ict Consultant, Ict Trainer, Service Desk Agent, Enterprise Architect, Business Analyst, Account Manager / Project Manager.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Torna in alto

 

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it 

telefonoicona telefono 346.6194740

Libri

Giornalismi

Newsletter