Menu
RSS

Invalido: “Costretto a pagare il parcheggio per i Comics”

23213210 10210885834364307 8613210149606603155 oL'edizione 2017 di Lucca Comics and Games sarà ricordata come tra quelle meglio riuscite di sempre. Purtroppo però non mancano le falle. E così può capitare che, nonostante l'impegno messo negli anni dagli organizzatori del festival per favorire l'accesso alla città anche ai disabili, l'esecuzione di una ordinanza del Comune (la 1774 del 25 ottobre) da parte dello staff della Metro Srl, società che gestiva i parcheggi durante la manifestazione, abbia fatto vivere una disavventura a Massimo Artigiani di Camaiore, che l'ha denunciata su Facebook. Nell'ordinanza, infatti, si prevedeva specificatamente che i parcheggi, anche per disabili, fossero a pagamento. Una cosa che non è piaciuta affatto al visitatore, supportato in seguito dalla associazione Lucca Senza Barriere.
"Ieri sono andato a Lucca con la famiglia per passare una giornata al famoso salone dei fumetti: appena giunto al parcheggio riservato ai diversamente abili, sapientemente collocato a più di un chilometro dall’ingresso, l’amara sorpresa: una imbarazzata addetta mi chiedeva il pagamento di 10 euro per il parcheggio", scrive il signor Artigiani in un lungo post su Facebook in cui ha voluto raccontare la sua esperienza.

Leggi tutto...

Passalacqua: "Piscina di Vagli esempio di struttura per disabili"

piscinavagliUna gita a Vagli di Sotto offre uno spunto al presidente di Luccasenzabarriere Domenico Passalacqua per una riflessione sulle piscine e il loro utilizzo. “Sono rimasto straordinariamente sorpreso - dice - per la qualità della struttura delle piscine Le Monache a Vagli di Sotto, per la disponibilità totale degli assistenti ai bagnanti e per la totale accessibilità della stessa. Qualcosa sapevo e non credevo certo di andare nel terzo mondo, conoscendo bene quanta attenzione l’amministrazione di quel Comune stia mettendo per l’accoglienza dei turisti e dei visitatori, ma la realtà supera le già positive voci che avevo sentito". "Certo - prosegue - mi si stringe il cuore vedendo che un comune molto dinamico ma anche piccolo offre una piscina a disposizione di chi ha difficoltà motorie, condizione in cui si trova un ragazzo che era con noi durante la visita, mentre non esiste analoga situazione nella città di Lucca. La piscina con entrata progressiva, studiata per tutti ma in particolare per chi ha difficoltà di movimento, è una raffinata soluzione di grande civiltà. A Lucca ci sono realtà che si avvicinano ma sono di privati che giustamente devono rientrare del loro investimento, mentre nelle piscine pubbliche o l’acqua non è alla temperatura giusta per sollecitare i muscoli di queste persone, oppure si deve usare uno scomodissimo sollevatore che scoraggia tutti. Un esempio di come le cose si possono fare bene, sempre che si voglia farle”.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it 

telefonoicona telefono 346.6194740

Newsletter