Menu
RSS

Lucchese, scelte obbligate per Lopez contro l'Alessandria

lopezVigilia di campionato per la Lucchese che - domani al Porta Elisa - attende un’Alessandria appena rilanciatasi. Il tecnico Giovanni Lopez, come sempre accade nelle ultime settimane, è alle prese con una mole considerevole di infortuni, che impone scelte obbligate. "Questa gara - commenta - si prepara come le altre, solo che abbiamo avuto meno tempo. L’unico problema è che mancano 5-6 giocatori, anche Baroni è appena rientrato. In mezzo al campo gioca Mingazzini, Damiani spero di portarlo almeno in panchina. Ci mancano, tra gli altri, Capuano, Nolé, Del Sante, Bortolussi. Cardore? Per giocare deve fare di più, è l’unico che ho voluto io, non sono pazzo". L’Alessandria, autrice di un’involuzione clamorosa rispetto alla scorsa stagione, ha appena ripreso a correre, rifilando 4 gol all’Olbia giovedì. "Sono in ripresa - prosegue Lopez - e penso che loro, qualitativamente, siano la squadra più forte insieme al Livorno. Però vedrete che saremo ancora noi a fare la partita, pur tra mille difficoltà. E’ sempre stato così, tranne che contro il Livorno, dove non c’è stata storia".

Intanto, proprio alla luce dell’emergenza, è stato convocato anche Autiero, ragazzo della Beretti: "Lo porto perché mi è piaciuto e non ho alternative in fase offensiva", spiega il mister, che poi svela in anticipo anche la formazione "perché siamo talmente contati che non posso fare scelte". Superlavoro, dunque, per la squadra che ha pareggiato tre giorni fa contro il Prato. In porta Albertoni, poi il blocco dei tre centrali Espeche, Magli e Maini,; Tavanti e Cecchini sulle fasce, Mingazzini, Arrigoni e Merlonghi in mezzo, Fanucchi e De Vena davanti. "Cosa temo di più dell’Alessandria? Sono fortissimi ovunque ed ora si sono anche ritrovati - prosegue Lopez - vanno temuti sotto ogni profilo. Mi hanno detto che un giocatore loro costa quanto la nostra squadra, non so se sia vero, ma comunque non c’è paragone nel costo delle rose. Io però sono orgoglioso, questa è una squadra che è nei play off fino a questo momento. Su 14 partite ne abbiamo fatte 10 a livello eccezionale, forse il pubblico si è abituato troppo bene".
In chiusura una battuta sul mercato, alla luce delle esigenze rossonere e del fatto che i giocatori che erano in forza al Modena sono liberi di cercarsi una nuova squadra: "Giorno del Modena? Io fornisco i ruoli che mancano ed Obbedio prende i giocatori. Il patto è questo e continuerà ad essere così".

Paolo Lazzari

Ultima modifica ilSabato, 11 Novembre 2017 16:20

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Torna in alto
 

 

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it 

telefonoicona telefono 346.6194740

Newsletter