Menu
RSS

Escursioni nelle miniere dell'alta Versilia

Locandina Miniere DEF OK 1Un tuffo nel passato, un’escursione nelle miniere dell’Alta Versilia per scoprire i segreti dell’estrazione di argento, barite e altri minerali. I Comuni di Pietrasanta, Seravezza e Stazzema aderiscono alla nona giornata nazionale delle miniere e sabato 27 e domenica (28 maggio) i siti del Pollone e il Canale della Radice si apriranno agli appassionati nell’ambito di due visite guidate. L’obiettivo dell’iniziativa è quello di valorizzare i geositi dell’Alta Versilia e renderli fruibili al pubblico, trasformandoli in un’attrattiva per turisti e curiosi. Le due escursioni, completamente gratuite, con obbligo di prenotazione entro mercoledì 24 maggio, sono organizzate con la collaborazione del Cai di Pietrasanta e aperte a tutti. A condurre il gruppo all’interno dei siti minerari sarà Simone Vezzoni, dottore in geologia ed esperto della materia, con il supporto del direttore delle miniere, Giovanni Santomaso, che aprirà uno squarcio sull’ultima fase della produzione, quella che negli anni ’80 si concentrava sulla separazione della barite dalla pirite.

Leggi tutto...

Migranti morti a Retignano e Lucca, c'è un legame

  • Pubblicato in Cronaca

agriturismo esterno1 Tre migranti morti in circostanze misteriose nel giro di 48 ore. Potrebbe non trattarsi di un semplice, sfortunato, caso. L’ipotesi che si fa sempre più strada dopo la morte di due richiedenti asilo nigeriani ieri nell’agriturismo le Poiane di Retignano, nel comune di Stazzema, è che queste morti possano essere legate al decesso del 23enne trovato morto domenica pomeriggio in una struttura di accoglienza privata a Sant’Anna, a Lucca. E’ quanto ipotizzano gli inquirenti dopo l’autopsia che è stata effettuata oggi dal medico legale Stefano Pierotti sul cadavere del nigeriano, trovato senza vita dai compagni attorno alle 15,30 di domenica e per il quale in un primo momento si era parlato di infarto.
L'arresto cardiaco potrebbe invece essere ricondotto alle stesse cause che hanno portato alla morte i suoi due connazionali ospitati a Stazzema, Maxwel Emiantor, 23 anni, e Olaide Adeniyi, 21 anni, per i quali è stato ipotizzato un avvelenamento, forse causato da erbe.
Secondo le prime testimonianze raccolte nell’agriturismo dove sono stati trovati morti, sembrerebbe infatti che i due giovani avessero utilizzato delle erbe raccolte sul posto per preparare una zuppa, alimento tradizionale del loro paese di origine. Solo i risultati definitivi delle autopsie e degli esami tossicologici chiariranno le cause effettive, ma è possibile che tutti i giovani deceduti abbiano utilizzato delle erbe velenose simili a quelle commestibili usate in Nigeria. L'autopsia sui due giovani, sarà eseguita venerdì. E solo dai risultati degli esami tre salme si potranno avere risposte certe sulle cause e su eventuali analogie. A seguire l'indagine è il pm di Lucca Aldo Ingangi. 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it 

telefonoicona telefono 346.6194740

Libri

Giornalismi

Diritto per tutti

Newsletter