Menu
RSS

Successo per le esposizioni della Marguttiana

Marguttiana arteBilancio positivo per l’associazione culturale La Marguttiana arte di Forte dei Marmi, che dai primi di giugno fino a metà settembre ha presentato le sua esposizione in via Pascoli. Trentuno, in tutto, gli artisti, alcuni dei quali internazionali, che hanno preso parte all’iniziativa nel rispetto delle volontà espresse dai fondatori della Marguttiana: un contatto diretto con il pubblico, allo scopo di favorire lo scambio culturale.

Leggi tutto...

Al Musa tornano gli aperitivi con l'artista

Giovanni BalderiAl MuSa, museo virtuale dell’architettura e della scultura di Pietrasanta, il quarto appuntamento con gli Aperitivi con l'artista. Dopo Emanuele Giannelli, Lisa Roggli e Stefano Pierotti, il protagonista dell’incontro di venerdì (25 agosto) alle 18,30 sarà Giovanni Balderi, affermato artista che fa del marmo la materia di sua principale ispirazione. Balderi è conosciuto per le importanti opere su commissione della Royal Caribbien Cruise e la norvegese Rapsody of the Seas, per le numerose mostre personali e le partecipazioni a simposi e mostre collettive. Molte delle sue opere appartengono ad importanti collezioni private e pubbliche, in Italia e all’estero.

Leggi tutto...

Al Pucciniano l'omaggio a Francesco Paolo Tosti

tostiTra i concerti che fanno da appendice al cartellone d’opera del 63esimo Festival Puccini spicca l’omaggio a Francesco Paolo Tosti in programma domani (3 agosto). Francesco Paolo Tosti compositore italiano, conosciuto per essere stato l'autore di celebri romanze da salotto o da camera, nasce ad Ortona il 9 aprile 1846. Ad Ortona apprende le prime nozioni di musica, ma in seguito, su suggerimento del suo maestro Gaetano Paolini, il padre Giuseppe Tosti presenta domanda al Regio governo Borbonico perché Francesco Paolo venga ammesso all’esperimento preventivo presso il conservatorio San Pietro a Majella di Napoli e sia beneficiario di una borsa di studio. Il giovanissimo Francesco, nell’autunno 1858 inizia a frequentare il Conservatorio di Napoli nella classe di violino del maestro Pinto. Dopo i primissimi anni di studio fu nominato maestrino, studente che segue colleghi più giovani. Nel 1866 si diploma in violino – uno strumento che forse suonerà in futuro soltanto nelle serenate – e, con ogni probabilità molto a malincuore, torna ad Ortona.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it 

telefonoicona telefono 346.6194740

Libri

Giornalismi

Diritto per tutti

Newsletter