Menu
RSS

Capezzoli (Idv): "Licenziamenti alla Compass, siamo dalla parte delle lavoratrici"

Schermata 08 2457979 alle 17.15.00Italia dei Valori si schiera con i lavoratori della cooperativa Compass di Pietrasanta, quattro dei quali rischiano il licenziamento dal 31 agosto. Lo dice, concordando con Nicola Conti del Pd, il referente Idv della provincia di Lucca, Domenico Capezzoli. "Riteniamo - spiega Capezzoli - demoralizzanti le dichiarazioni alla stampa dell’assessore Tartarini che scarica il problema sul presidente della Pietrasanta Sviluppo, giustificando il ridimensionamento del personale perché la richiesta dei pasti è calata del 5%. Bene garantire i pasti ai ragazzi ma se non garantiamo i lavoratori che danno questo servizio, non possiamo garantirli e in più il servizio è scadente. Inoltre riteniamo che le istituzioni oltre a pensare ai propri interessi debbano garantire i lavoratori perciò riteniamo opportuno che si intervenga e anche Idv è vicino alle 4 lavoratrici della Cooperativa Compass. Anzi noi ci adopereremo e seguiremo la vicenda anche per vie legali".

Leggi tutto...

Toscana Pane, licenziamenti ridotti a 3

Firma accordo Toscana Pane AltopascioVertenza Toscana Pane: c'è l'accordo. Firmato questa mattina (8 agosto) in Comune, l’accordo prevede il contenimento del numero dei licenziamenti - da 24 a 3 unità su base volontaria (in totale i dipendenti sono 61) -, e l'introduzione di ammortizzatori sociali, come il contratto di solidarietà, per altri 30 lavoratori. Sono questi i due punti fermi dell'accordo raggiunto tra l'azienda, rappresentata dall'amministratore delegato Patrizio Valdettari, i rappresentanti sindacali, il segretario provinciale della Flai-Cgil, Lino Giovannelli, il sindaco, Sara D'Ambrosio, l'assessore alle attività produttive, Andrea Pellegrini, il consigliere comunale con delega al lavoro, Nicola Calandriello e il consigliere provinciale, Renato Bonturi. 

Leggi tutto...

Snaitech Porcari, in 33 lasciano l'azienda

di Roberto Salotti
snaiporcarisedeSi sono ridotti a circa 20 gli esuberi alla Snaitech di Porcari. E’ l'effetto degli incentivi alla "fuoriuscita volontaria", tentata dall'azienda per ridurre il contingente del personale giudicato in eccesso rispetto alle esigenze e alle necessità dettate dalla riorganizzazione aziendale, alla luce anche della fusione con Cogemat. Tra i mesi di giugno e luglio, infatti, sono stati attorno a 45, a livello nazionale, i dipendenti dell'azienda che hanno deciso di licenziarsi dietro la corresponsione delle indennità proposte dall'azienda: alla fine di giugno hanno lasciato 33 persone, di cui 25 soltanto a Porcari. L'azienda ha previsto per ciascuno di loro una ’buonuscita’ di 40mila euro. Altri 8 non sono più dipendenti di Snaitech a Porcari dal 31 luglio scorso (e percepiranno un'indennità di 35mila euro).

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it 

telefonoicona telefono 346.6194740

Libri

Giornalismi

Diritto per tutti

Newsletter