Menu
RSS

Luna park e doppio senso via XX settembre, Murzi chiarisce

brunomurzi“E' necessario fare chiarezza definitivamente”. Il sindaco Bruno Murzi interviene nuovamente su Luna Park e l'apertura a doppio senso di via XX Settembre, augurandosi che terminino i fraintendimenti e le strumentalizzazioni. "La scelta di destinare l’area di via Vico a spettacolo viaggiante (Luna Park), parcheggio e protezione civile non è frutto della mia amministrazione, ma è stata introdotta con una variante urbanistica nell’anno 2012. Trattasi della variante generale al Regolamento urbanistico adottato con delibera di consiglio comunale 19 del 5 marzo 2012. Tale variante prevedeva, assieme ad altre modifiche riguardanti lo strumento territoriale generale, la necessità di procedere all’individuazione e ricollocazione delle aree destinate a “spettacoli viaggianti e protezione civile” in zone più appropriate rispetto a quella definita “impropria” contenuta nelle precedenti versioni dello strumento. L'area in oggetto quindi è da anni (2012) catalogata a destinazione F3 cioè ad uso di Spettacoli viaggianti e protezione civile. Questo è riportato dagli atti ufficiali e dalle relazioni consiliari ma a quanto sembra non è noto ai più, compresa l’opposizione". "La mia amministrazione - prosegue Murzi - ha invece approvato un atto di indirizzo necessario a dare mandato agli uffici di acquisire ai beni comunali quell’area, frutto di una perequazione decisa dalla precedente amministrazione, che considerata la destinazione d’uso esistente sui piani non poteva certamente riportare destinazioni diverse. Ritengo dunque molti degli interventi sulla vicenda quanto meno paradossali. L’opposizione politica, l’ente Ville, gli Amici della Terra hanno davvero la memoria corta oppure non erano attenti alle decisioni che venivano prese negli anni? Molto dell’attuale stracciarsi le vesti appare strumentale a fini diversi. Ad esempio nessun disboscamento è stato fatto in quella zona (che oltretutto ancora non ci appartiene), né tanto meno polmoni verdi sono stati eliminati e non un albero è stato tagliato. I fortemarmini ben ricorderanno che quella era negli anni ottanta la discarica del verde e da quella zona sono stati semplicemente rimossi rovi e scepaloni (e chiedano pure ad un fortemarmino se non conoscono il significato di quel termine). Scrive Obiettivo Forte il luna park comprometterebbe l'organico sviluppo di tutto l'asse della via di Scorrimento finalizzato agli obiettivi stabiliti dai piani urbanistici...".

Leggi tutto...

Pd Montecarlo: "Conflitto di interesse nel piano strutturale"

montecarloluccaPiano strutturale a Montecarlo, la minoranza dice no. "Si tratta di un piano - dice il segretario del Pd di Montecarlo, Francesco Franceschini - in evidente conflitto di interessi con molti amministratori comunali. Il voler dichiarare che questo è un piano volto a tutelare il territorio è un modo per camuffare e nascondere la sua vera natura, favorire i pochi a discapito dei molti. Dal piano si evince che non è volto allo sviluppo urbano dei centri abitati già esistenti, ma è stato approvato un piano a macchia di leopardo, con evidenti discrepanze con il contesto urbano e stradale, che fa ben capire la volontà di favori i pochi".

Leggi tutto...

Cambio di destinazione per nuovo stabilimento, D'Ambrosio: "Iter regolare, ora l'azienda deve rispondere alle richieste di Comune, Regione e Provincia"

dambrosiosindacoPolemica sul cambio di destinazione d'uso di un terreno da agricolo a industriale, interviene il sindaco di Altopascio, Sara D'Ambrosio, che spiega l'iter legittimo della variante.
"È legittimo che l’opposizione esprima le proprie posizioni - dice il sindaco D'Ambrosio - è anche legittimo, per quanto non condivisibile, che la minoranza preferisca che un’azienda storica del nostro territorio, AlpiPan, lasci Altopascio e vada ad investire altrove, ma non è possibile impedirle di esercitare i propri diritti. Come quello previsto dalla legge di avviare tutte le pratiche utili per realizzare un progetto di ampliamento aziendale. Ad Altopascio, oggi, parlano i fatti: AlpiPan, una delle aziende in crescita del nostro territorio, vuole continuare ad investire qui, con l’obiettivo di assumere, contribuendo così allo sviluppo di Altopascio. Ha manifestato l’esigenza di trovare un altro sito industriale rispetto a quello in cui si trova adesso, poiché necessita di più spazio per la produzione. La legge regionale, una delle più avanzate in Italia per quanto riguarda il contrasto al consumo di suolo, glielo consente. E l’amministrazione comunale ha deciso che quell’area poteva essere trasformata per diventare un sito produttivo, perché è inserita pienamente in una zona già industrializzata, dove sono presenti altre aziende e strutture commerciali, dove sono presenti le infrastrutture e le urbanizzazioni necessarie alle attività produttive e dove l’impatto ambientale e paesaggistico è circoscritto alla sola area interessata dall’intervento".

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it 

telefonoicona telefono 346.6194740

Libri

Giornalismi

Diritto per tutti

Newsletter