Menu
RSS

Urbanistica, quattro comuni 'lucchesi' aderiscono a pianificazione intercomunale

comune di capannori 2Sono 33 i Comuni toscani che hanno risposto al bando 2017 della Regione Toscana per la pianificazione intercomunale, scegliendo di fare nuovi Piani strutturali insieme, in modo da avere infrastrutture, servizi e attività pensate tenendo conto delle caratteristiche e delle esigenze di tutta l'area anziché del singolo Comune. Tra questi, ecco anche i Comuni di Altopascio, Capannori, Porcari e Villa Basilica. La Regione ha destinato a queste amministrazioni quasi 800mila euro come contributo per il lavoro e gli studi necessari. Al termine di questo procedimento, da 33 diverse amministrazioni emergeranno 11 Piani strutturali intercomunali in linea con quanto prescritto dai nuovi strumenti urbanistici della Regione, il Pit-Piano paesaggistico e la lr 65/2014 per il governo del territorio. Sono così ad oggi 25 i piani strutturali intercomunali in corso di redazione, che interessano 121 della Toscana: meno strumenti per pianificazioni più ampie con un'evidente semplificazione dei processi.

Leggi tutto...

Varianti ai regolamenti urbanistici, ok alla proroga dei termini

consiglioregionaledueCon 21 voti a favore, due contrari e cinque astenuti, il Consiglio regionale approva la proposta di legge, di iniziativa della Giunta, per differire al 27 maggio 2018 il termine di tre anni previsto per legge (65/2014) per l’approvazione delle varianti.  Ha illustrato l’atto l’assessore Vincenzo Ceccarelli che ha spiegato come il differimento sia relativo solo alla variante puntuale adottata al 27 novembre. I Comuni, inoltre, dovranno portare a compimento il procedimento, entro due anni dall’avvio. “La scelta – ha spiegato ancora l’assessore – tiene conto anche dell’ingente impiego di risorse economiche e professionali spese dalle amministrazioni comunali nelle redazione degli atti di governo”.

Leggi tutto...

Urbanistica, la legge toscana esempio nazionale

Ceccarelliterritorio1"La Toscana negli ultimi anni ha fatto un lavoro di qualità sul governo del territorio e, benché molto rimanga da fare, quanto sancito dalla legge regionale 65/2016 e dal Pit con valenza di piano paesaggistico, due strumenti innovativi e di riferimento, è il punto da cui partire, non certo quello da cui tornare indietro. Cosa che invece accadrebbe se la proposta di legge sul consumo di suolo alla quale si sta lavorando a livello nazionale venisse approvata senza l'emendamento da noi presentato a luglio, che stiamo difendendo su più tavoli nazionali".

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it 

telefonoicona telefono 346.6194740

Libri

Giornalismi

Diritto per tutti

Newsletter