Menu
RSS

Del Chiaro e Pieretti: "Elettrodotto a Marlia, serve monitoraggio"

thumbnail giordano del chiaro francesca pieretti 800 800"Da oltre cinquant'anni attraversa buona parte del territorio nord di Capannori: i più giovani sono abituati a vederlo dove oggi si trova, ma desta preoccupazione nei residenti che lamentano l’assenza di controlli e si interrogano sulle conseguenze di un’esposizione prolungata al campo elettrico. E' il traliccio di alta tensione che taglia in due il paese di Marlia, svettando sopra le abitazioni e sorvolando l’ampia area del mercato, sede in estate ed inverno di continue manifestazioni e iniziative, nonché dei mercati settimanali". A riportare l'attenzione sul tema -oggi, 2 dicembre -  sono i consiglieri del Comune di Capannori Giordano Del Chiaro e Francesca Pieretti, che rincarano così la dose: "Non possiamo accettare che quel mostro di elettricità sia destinato a rimanere nel centro del paese senza controlli e monitoraggi periodici, perché la legge impone limiti precisi alle emissioni che, se superati, potrebbero costituire un rischio per la salute dei cittadini. Inutile dire, poi, che il traliccio rappresenta una bruttura che ostacola qualsiasi riqualificazione del Paese". I due consiglieri osservano inoltre che "La normativa esistente affida all’Arpat il compito di controllare i livelli di esposizione ed emissione generati dal traliccio. Per questo motivo intendiamo portare la questione in Consiglio Comunale e chiedere che siano fatte al più presto le rilevazioni necessarie".

Leggi tutto...

La Libellula insiste: "Servono centraline Arpat"

centralinaarpatIl comitato La Libella insiste per avere centraline di monitoraggio della qualità dell'aria in Valle del Serchio. "Perché - si chiede il comitato - in Valle del Serchio si muore più che altrove? Quella che Pascoli chiamava la valle del bello e del buono nasconde tassi di mortalità per patologie tumorali e cardiovascolari ben al di sopra della media regionale. Dal 2011, data della pubblicazione dello studio del professor Biggeri dell'Università di Firenze ci chiediamo: perché?".

Leggi tutto...

Fornaci, chiesta una postazione mobile di Arpat

centralinaarpatUna postazione mobile dell'Arpat a Fornaci di Barga per monitorare la qualità dell'aria in attesa che possa essere installata la centralina. E’ la richiesta che avanza il comitato La Libellula che già aveva inviato richiesta formale ai Comuni di Barga, Coreglia e Gallicano per un monitoraggio continuo dell'inquinamento. "Ciò - spiega il comitato - a seguito della pubblicazione dei dati sulla qualità dell’aria rilevati da Arpat nel 2015-2016 e dei dati epidemiologici sulla popolazione della valle, realizzata dal prof. Biggeri nel 2011, che evidenziano sia problemi di inquinamento, sia tassi di mortalità superiore alla media regionale per alcune importanti patologie tumorali e cardiovascolari".

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

 

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it 

telefonoicona telefono 346.6194740

Newsletter