Menu
RSS

Intergrazione e formazione professionale per richiedenti asilo, convegno a Massarosa

migrantilavoroMartedì (14 novembre) dalle 15 alle 18 nella sala consiliare del comune di Massarosa ci sarà un seminario pubblico, nel quale si parlerà di integrazione e di percorsi di formazione professionale per l’inserimento lavorativo di profughi e richiedenti asilo. Il convegno è organizzato dalla cooperativa Odissea , socia del consorzio So. & Co., che da 10 anni lavora a favore di persone immigrate ed in questo settore ha sviluppato molteplici competenze divenendo punto di riferimento per molteplici interlocutori pubblici e del terzo settore.

Leggi tutto...

Accoglienza rifugiati, 1,7 milioni per Fabbriche

fabbricheFabbriche di Vergemoli abbassa il numero dei migranti ospitati diventando nel contempo il primo comune della provincia di Lucca e il secondo in Toscana in termini di posti Sprar; il tutto ottenendo 1 milione e 700 mila euro di finanziamento da parte del ministero dell'interno. Lo Sprar è il sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati, ovvero singoli/e o famiglie che hanno ottenuto lo stato di protezione internazionale o che sono stati inseriti ufficialmente tramite determinati requisiti.
Grande soddisfazione a Fabbriche di Vergemoli per l'ennesima vittoria su un bando Sprar da parte del Comune. In questo caso il Comune, in prosecuzione di una linea avviata da anni, non ha teso ad aumentare i posti di ospitalità dei rifugiati sul territorio comunale, ma ha teso a riservare detti spazi unicamente a coloro che hanno avuto riconosciuto lo status di rifugiato politico. Questo tramite la trasformazione dei Cas (Centri di accoglienza straordinaria) presenti su territorio in strutture Sprar che ospiteranno famiglie, donne e bambini.

Leggi tutto...

Accoglienza, Bugli: "Avanti con il modello Toscana"

bugli4All'Università degli studi di Firenze si è aperto stamani (6 novembre) il master sull'accoglienza dei richiedenti asilo: un progetto condiviso con le Misericordie, con trenta studenti altamente qualificati, provenienti da tutta Italia, pronti a vivere un anno intenso di formazione, confronto e riflessione. E l'assessore alla presidenza della Toscana, Vittorio Bugli, presente alla prima giornata che era aperta a tutta la città, lancia la proposta di una sorta di esercitazione sul libro bianco, sull'accoglienza in Toscana, scaturito dal confronto avviato a maggio con gli operatori e che ha passato in esame centoventi diversi progetti per approfondirne le caratteristiche, analizzare cosa ha funzionato e cosa no, con l'obiettivo di passare dalle buone pratiche ai buoni modelli. Con un obiettivo sopra tutti: facili tare le relazioni tra chi è arrivato, scappato dalla guerra o dalle persecuzioni e alla ricerca di un futuro migliore, e i toscani che abitano i paesi e le città che li hanno accolti. Anzi, con due obiettivi: perché c'è anche quello di rendere i profughi, la maggior parte giovani o giovanissimi, progressivamente autonomi.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

 

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it 

telefonoicona telefono 346.6194740

Newsletter